Uomini e donne credibili sull’esempio di Gesù

don Pierluigi Nicolardi

In questa domenica, IV del tempo ordinario, Gesù è a Cafarnao, di sabato nella sinagoga; l’evangelista annota che tutti coloro che erano nella sinagoga erano stupiti del suo insegnamento: «egli insegnava loro come uno che ha autorità, non come gli scribi». Da dove viene questa autorità? Gesù non è semplicemente un uomo che parla in nome di Dio; egli stesso è la Parola di Dio, quella Parola – ci ricorda l’evangelista Giovanni – che si è fatta carne. E questa espressione ci riporta alle prime pagine della Sacra Scrittura, spiegandoci la forza dell’autorità di Gesù.

Nella Genesi, Dio crea per mezzo della Parola che, in ebraico, si dice dabār; e dabār non vuol dire semplicemente parola. La Parola di Dio, infatti, è parola creatrice, è quella parola che realizza ciò che esprime. E Gesù, appunto Parola fatta carne, esprime tutta la sua autorità perché è la Parola di Dio che si realizza, egli realizza ciò che esprime.

E l’autorità di Gesù si manifesta non solo nelle parole, ma anche nei gesti; infatti, nella sinagoga la sua autorità è riconosciuta anche da un uomo posseduto da un demonio. La parola di Gesù ha una forza tale da ridurre all’impotenza anche il male: «Sei venuto per rovinarci?». Gesù è venuto per la caduta e la rovina di molti, soprattutto per il male che tiene incatenata l’umanità.

L’evangelista Marco in tutta la sua opera usa un’espediente letterario che è noto come “segreto messianico”, ossia il tacere l’identità di Gesù per farne una rivelazione a metà del cammino di sequela e soprattutto sotto la croce. Qui però l’indemoniato rivela l’identità di Gesù che però è subito messo a tacere dallo stesso Gesù: «Taci!». Gesù è cosciente che non può essere il Male a rivelarne la sua identità: il Male falsa la realtà, anche quando ne esprime la verità. Ecco perché mette a tacere l’indemoniato, perché non vuole che coloro che lo ascoltano siano portati in confusione.

Non solo lo rimprovera, ma impone al Male di lasciare l’uomo; l’autorità di Gesù viene esercitata, la sua Parola si realizza: «Esci da quest’uomo!».

Questo episodio ci affida un importante messaggio. Come cristiani, da Gesù dovremmo imparare l’autorevolezza; non si tratta di far valere o imporre chissà quale autorità, bensì di esprimere la forza della nostra parola con l’eloquenza della nostra testimonianza. Joseph Ratzinger nella celebre Introduzione al cristianesimo afferma che la situazione in cui versa il credente oggi è quella di un naufrago alla deriva su un pezzo di legno; e il naufragio che stiamo vivendo ha a che fare con la distanza tra il nostro dire e il nostro fare.

Impariamo da Gesù a colmare quella distanza perché, più che credenti possiamo essere ritenuti credibili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: